Seduzione del profumo Airside

Seduzione del profumo Airside

Siamo stati tutti lì, l’abbiamo visto e l’abbiamo fatto seguendo l’esca profumata che ci attira nelle sezioni dei profumi duty-free dei rivenditori aeroportuali illuminati.

Non possiamo evitare il loro sfarzo.

Sia la sala partenze che quella degli arrivi ci costringono a fare lo slalom sui nostri banchi di prova del bagaglio a mano.

Le sale delle fragranze dell’atrio non si preoccuperanno.

Non sono necessariamente alla ricerca di quelli con conti spese su cui sguazzare.

Sono molto più desiderosi di attirare i viaggiatori con soldi divertenti e una mentalità spericolata e sbalorditiva prima di dirigersi verso la coda non prioritaria e fuggire per una settimana o due.

Acquistare un profumo duty free è come dare un’occhiata alla rivista Hello.

Proprio come raccogliamo e sfogliamo questa decana di riviste di gossip controllate nelle sale d’attesa dei dentisti, così ammazziamo il tempo girovagando tra i corridoi delle fragranze duty-free passando i profumi delle celebrità.

Ciao, con le sue foto neutre e scenografiche mette sempre in primo piano i volti migliori: mai un’angolazione sbagliata; mai una celebrità colta alla sprovvista.

Allo stesso modo presentati in colori lucidi sugli stand dei punti vendita sono l’equivalente della profumeria: celebrità, sia sbiadite che quelle con la fama appena imposta su di loro.

Qui, abbiamo la sicurezza di incontrare grandi nomi che non incontreremmo mai nelle nostre strade principali a casa.

La boutique di profumi duty free è un posto molto meno minaccioso in cui spritz un tester senza l’occhio vigile di un commesso critico.

L’ora d’oro dello shopping duty-free

L'ora d'oro dello shopping duty-free

Questa ora d’oro è un’altra parola, un periodo come l’ora legale che non ha senso, eppure ci viene imposto e può essere sprecato man mano che la nostra fantasia ci porta.

Non sono solo i redditi alti e non aeronautici come Heathrow di Londra o gli aeroporti del Medio Oriente come Dubai e Qatar che possono rivendicare lo status di centro aereo di prima classe. Istanbul e diversi aeroporti cinesi si stanno espandendo e promuovono il loro spazio commerciale pre e post volo in fretta da incassare.

I nostri soldi per i viaggi sono in palio e i rivenditori di profumi e prodotti di bellezza lo sanno fin troppo bene. L’Oreal afferma che il travel retail è il suo “sesto continente” e uno dei suoi tre mercati più grandi.

Grandi nomi a parte, ora stiamo trovando marchi di nicchia nelle boutique di profumi duty-free. Ma deluderanno i loro clienti originali se iniziano a presentare lo stile Hello nei corridoi accanto agli stanchi o ai senza talento?

Con la nicchia acquistata da grandi marchi e grandi marchi che lanciano profumi come esclusivi e di nicchia, il duty free aeroportuale è un ottimo livellatore.

Proprio come il vantaggio dell’imbarco prioritario è quasi scomparso, così anche il valore nominale ha il vantaggio di essere di nicchia nella profumeria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *