Perché i profumi naturali sono costosi

Perché i profumi naturali sono costosi?

Forse la domanda da porsi è:

  • Perché i profumi sintetici, non solo quelli naturali, sono costosi?
  • Il prezzo dovrebbe essere comunque il modo in cui giudichi un profumo?

Queste sono domande che non hanno una risposta semplice poiché stiamo parlando della profumeria come arte, non solo del costo delle sue materie prime principali, più la manodopera, più i ricarichi nella catena di distribuzione, più un reddito o un profitto decente per il profumiere o casa di profumeria.

C’è un’analogia che mi piace fare quando discuto del perché le fragranze raffinate e in particolare i profumi naturali sono costosi.

È una storia aneddotica che potresti aver incontrato prima; il racconto della colomba della pace di Picasso.

L’evento, ci viene detto, si è svolto in un caffè parigino “quando un ammiratore ha chiesto a Picasso se poteva fare un rapido schizzo su un tovagliolo.

Picasso obbedì, disegnando l’omonima colomba con un movimento del polso.

Prima di restituire il tovagliolo, chiese all’ammiratore una bella somma di denaro, con loro grande sorpresa.

Quando gli è stato chiesto come potesse desiderare così tanto per uno schizzo così veloce, Picasso ha risposto: “Mi ci sono voluti 40 anni”.

I profumi naturali sono costosi perché sono per il profumiere botanico artigiano ciò che la colomba di Picasso era per lui.

Costosi in quanto incarnano una notevole creatività, competenza ed esperienza che è nascosta alla vista.

Una fiala di alcol con alcuni ingredienti naturali è tutto ciò che sono.

Ma ciò significherebbe ignorare la loro creazione, il genio e l’esperienza del profumiere, la musa e il momento che li ha visti nascere come idea e poi perfezionarsi in quello che può essere un considerevole passaggio di tempo alla forma d’arte liquida chiamata profumeria.

In questa discussione sui prezzi della profumeria, tralascio volutamente la maggior parte degli aspetti banali come il packaging e il marchio, le spese di distribuzione e tutte le PR, il marketing digitale e tradizionale e i relativi costi come l’approvazione delle celebrità.

Qualsiasi consumatore si rende conto che questi servono ad aumentare il prezzo di un profumo. Li sto lasciando da parte perché i profumi naturali tendono a essere creati su una scala più limitata e artigianale.

Non hanno il pieno di questi costi, almeno non per cominciare. Tuttavia, di solito finiscono a prezzi di lusso per diversi motivi.

6 motivi per cui i profumi naturali sono costosi

6 motivi per cui i profumi naturali sono costosi

Sia il profumiere che il consumatore/indossatore sono in collusione sul prezzo dei profumi, naturali o sintetici che siano.

Il racconto aneddotico di cui sopra serve a dimostrare che il prezzo del profumo è uno spazio negoziato aperto all’interpretazione e raggiunto solo quando sia il creatore che il consumatore sono d’accordo.

Il valore che diamo a qualsiasi lusso, perché questo è il profumo, deriva dal profondo del nostro passato e del nostro rapporto con il denaro e dal valore molto personale che attribuiamo ad esso.

Abbiamo tutti amici che adorano i profumi e li vedranno come una necessità; altri che li amano ma sentono di non potersi comprare il profumo preferendo aspettare che gli vengano regalati; e altri ancora che sono abbastanza contenti di un acquisto usa e getta a buon mercato quasi settimanale da un negozio Target o Lidl.

Amo la diversità del mercato della profumeria e credo che ci sia un posto per quelli che sono per lo più prodotti botanici di fascia alta e più costosi, nonché marchi più economici e il flusso continuo di flanker.

$ 250 per un profumo naturale EDP da 30 ml allettano o ti dissuadono dall’acquisto? Un profumo naturale è costoso se non sei il suo consumatore target.

Se non credi che l’arte del profumiere, gli ingredienti scelti, il risultato di quelle note combinate e l’armamentario del packaging e del marchio si sommano per “ne vale la pena”, allora forse quel particolare profumo non fa per te.

Il prezzo è quindi totalmente soggettivo. I prezzi di fascia alta sono sostenuti perché ci sono persone disposte a pagare per le merci.

Profumo come desiderio

Profumo come desiderio

Il profumo viene spruzzato ed evapora. Non è un possesso duraturo. Questo potrebbe essere sufficiente per confermarti che i profumi sono una costosa follia di un acquisto.

Ma sarebbe dimenticare il profumo come piacere.

Se un profumo diventa un oggetto del desiderio e offre la promessa di un piacere che potrebbe essere corrisposto, allora il suo prezzo elevato può essere solo un ostacolo temporaneo, non una critica al profumo stesso.

Abbiamo tutti i nostri prezzi variabili nella ricerca del piacere.

Il piacere di qualcun altro con un prezzo giustificabile potrebbe essere un pasto stellato Michelin. Il mio, e potrebbe essere anche il tuo, è un profumo botanico di lusso e benessere.

Paghiamo per la ricerca del piacere e quando lo facciamo, quel piacere può essere insensibile al prezzo.

Che sia naturale o sintetico, il profumo come oggetto di piacere segreto può essere costoso per garantire che il piacere che promette sia esclusivo; disponibile solo per pochi.

I materiali di profumeria sono costosi

I materiali di profumeria sono costosi

Il profumo è uno dei prodotti meno trasparenti quando si tratta di indovinare il prezzo poiché anche gli ingredienti sono nascosti dietro una parola onnicomprensiva “profumi” o “fragranza” nel breve elenco richiesto dalle normative cosmetiche.

Quindi, come fai a sapere se un profumo naturale è costoso perché contiene ingredienti botanici puri?

Se l’argomento è che i profumi naturali sono così costosi a causa dell’alto costo delle loro materie prime botaniche pure, dovrai sapere se stai ottenendo quello per cui stai pagando di più.

Anche i sintetici possono essere costosi. Alcuni sono creati come “prigionieri” che sono prodotti chimici aromatici progettati per case e marchi di profumi specifici e che vengono tenuti segreti e non rilasciati per l’acquisto.

I prigionieri sono i pregiati elementi di differenziazione nel mondo dei sintetici.

I prodotti naturali tendono ad essere costosi a causa della loro rarità, dei capricci del clima e del raccolto, delle loro origini geografiche, dei metodi di estrazione ad alta intensità di manodopera e spesso tradizionali e così via.

Sappiamo tutti quanti rose servono per creare alcuni ml di olio di rosa damascena bulgara.

Alcuni, come gli assoluti di gelsomino e di osmanto, devono essere estratti con il metodo secolare dell’enfleurage e sono quindi estremamente costosi.

I materiali di profumeria naturali sono costosi perché sono limitati.

Gli aromi chimici possono essere prodotti fino alla nausea e saranno sempre gli stessi.

Tuttavia, i naturali vanno e vengono e non possono mai essere considerati affidabili.

Il profumiere che lavora con prodotti completamente naturali non solo deve affrontare la sfida della loro unicità, complessità e varianza, ad esempio, da un genere di botanica e raccolto a un altro, ma può anche affrontare la scarsità.

Capita spesso che il mio fornitore prescelto semplicemente non abbia vaniglia o legno di sandalo, per i motivi appena elencati, o perché un materiale è stato aggiunto all’elenco CITES con il risultato che il suo commercio è proibito.

I profumi naturali sono costosi perché i loro creatori devono lavorare come se ogni lotto fosse un’edizione limitata.

Devono valutare ogni nuovo lotto di una materia prima come se non l’avessero mai incontrato prima.

Questo richiede tempo, pazienza e un certo approccio artigianale su misura, che si riflette nel prezzo finale del profumo.

Il profumiere

Il profumiere

Quanto conta nel costo il naso dietro un profumo?

La personalità e la professionalità del naso, il creatore del profumo, è un concetto relativamente nuovo nella profumeria moderna, sebbene fosse una caratteristica fondamentale diversi secoli fa.

Il profumiere di Maria Antonietta Jean-Louis Fargeon è documentato in A Scented Palace: A Secret History of Marie-Antoinette’s Perfumer di Elisabeth de Feydeau. Ha iniziato da umili origini ma ha trovato la fama finendo per essere impegnato come profumiere reale per circa 13 anni.

La profumeria moderna, dalla fine del XIX secolo fino alla metà del XX, era dominata da grandi aziende produttrici di fragranze chimiche che producevano gli aromi per i principali marchi di lusso e per la casa.

I chimici delle fragranze e i profumieri interni di aziende come Givaudin e IFF erano sconosciuti al di fuori dei loro circoli.

Hermes è stato uno dei primi marchi di haute couture a ingaggiare un profumiere interno, Jean-Claude Ellena. È diventato uno dei primi “nez” conosciuti a pieno titolo e in seguito ha lavorato a collaborazioni di alto profilo con altri, tra cui l’impresario di profumi Frederic Malle.

Ora, questo è stato portato oltre da Kilian Hennessy nipote del fondatore del gruppo LMVH. La casa di profumeria By Kilian coinvolge noti “nez” come Calice Becker e Alberto Morillas.

Chiunque sia vagamente interessato al profumo oggi si è imbattuto in profumieri con nomi dietro marchi e case di profumeria, e anche ora i profumieri interni di grandi aziende di fragranze stanno entrando in scena. Abbiamo chiuso il cerchio.

La risposta breve è quindi che un nome con gravitas impacchetta più dollari su un profumo.

Quindi, cosa significa questo per i profumieri più indipendenti e artigianali che tendono, come me, a creare profumi botanici e naturali?

Quando entriamo nel mercato, i nostri profumi vengono giudicati da te, consumatore e portatore, con gli stessi criteri con cui valuti un profumo di un “nez” o di un marchio famoso e di lunga data.

Penso che in questi giorni ci siano condizioni di parità e le indicazioni sono che un numero maggiore di acquirenti di fragranze sta cercando di raggiungere gli ulteriori confini del settore per trovare l’unicità e qualcosa di diverso, come dimostra l’articolo di FT sul mainstreaming degli eco-profumi.

Profumo come packaging e branding

Profumo come packaging e branding

Siamo abbastanza saggi in questi giorni da sapere che paghiamo per piacere per gli occhi: la perfezione nella confezione ha un premio.

Un profumo costoso in una confezione economica raramente fa appello, anche se a volte fa il contrario, come attestano quei siti di recensioni “proprio come gli odori”.

Come profumiere indipendente, trascorro molto tempo a preoccuparmi del packaging perfetto.

Ci vuole molto tempo per cercare di trovare opzioni sostenibili con quantitativi minimi di ordine e con il giusto brio per il mio marchio.

Sostenibilità e problemi di miglia aeree, riciclaggio e impronte di carbonio incombono.

  • La foglia d’oro in rilievo lo farà?
  • non riciclabile?
  • Quanto valore e costo aggiunge?

Nascosti al consumatore, ma di enorme importanza nella definizione del prezzo finale, sono questi problemi.

Se desideri pagare per una confezione perfettamente confezionata, dipende da come ti senti ad acquistare un profumo per te o da regalare.

Ammetto di aver raccolto profumi non confezionati dai bidoni degli affari e di aver sperperato per l’acquisto di una rara fragranza botanica da un profumiere artigiano.

Entrambi gli stili di approccio al packaging hanno un posto nella mia vita. Il lusso e/o combinato con imballaggi sostenibili raramente costa poco. Tutto dipende da dove si trovano le tue aspettative e l’etica del consumatore.

Economia di scala

Economia di scala

Il discorso sull’imballaggio porta al problema finale; una delle economie di scala.

Il profumiere botanico artigiano non può acquistare né immagazzinare quantità efficienti di materie prime di profumeria.

Anche se desiderano produrre un determinato profumo per diversi anni a venire e desiderano fare scorta di una particolare assoluta di vaniglia o olio di rosa per garantire la continuità della fornitura e la consistenza dei lotti, non produrranno e venderanno i volumi da spostare il titolo prima che scada.

La nostra mancanza di un’economia di scala significa che i nostri profumi naturali sono costosi, ma ciò che ottieni è la bellezza di un profumo unico. La sua unicità è insita nella sua creazione.

E infine, i profumi naturali sono costosi?

i profumi naturali sono costosi

Direi di stare attenti a un profumo naturale che ha un prezzo basso.

Fai i compiti: chiedi al marchio o al profumiere informazioni sulla loro arte, etica e provenienza degli ingredienti. Non ti diranno segreti commerciali ma l’onestà della loro risposta dovrebbe placare i dubbi sulla naturalezza dei loro prodotti.

In termini di valore per te, la spesa dei profumi naturali non può essere quantificata.

Il prezzo è soggettivo e un punto di vista personale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.