Jacques Marie Mage

Il fascino degli occhiali da sole Jacques Marie Mage

Quando Jerome Mage stava iniziando la sua linea di occhiali da sole, nel 2015, nessuno voleva investire in essa. Il suo nome, Jacques Marie Mage, era una sciocchezza, dicevano, e il mercato degli occhiali era già saturo. Inoltre, i disegni del signor Mage – spessi, sostanziali, con un peso architettonico – andavano contro il look minimalista prevalente del giorno. Ed erano molto costosi.

Ma il signor Mage ha un curriculum che gli ha permesso di ignorare queste critiche e di andare avanti. Dopo tutto, il francese ha trascorso la maggior parte di due decenni nel sud della California; è lì che ha costruito una carriera progettando occhiali per etichette come Spy Optic e Arnette. Infatti, per lui, gli occhiali sono meno occupazione e più ossessione: Possiede più di 1.000 paia di occhiali vintage.

“Ricordo quando mio fratello tornò a casa con un paio di Vuarnet”, ha detto una mattina nel suo studio nel caratteristico cortile dei Granada Buildings, un complesso in stile coloniale spagnolo nel quartiere Westlake di Los Angeles. “Lui aveva 15 anni, io 10, e io ero come, ‘Wow, cosa sono quelli?'”.

Come oggetto di design, gli occhiali da sole si trovano all’incrocio delle più grandi passioni del signor Mage. “Ho studiato scultura e product design a Parigi, quindi volevo quella sorta di fisicità”, ha detto. Voleva creare qualcosa che, come l’abbigliamento, servisse come veicolo di auto-espressione.

“Quello che amo degli occhiali è che sono un oggetto incredibile e sensuale, se ci pensi”, ha detto il signor Mage, 47 anni. “Lo infili sul naso, è la prima cosa che la gente vede. Definisce il tuo viso”.

Oggi la maggior parte degli occhiali da sole proviene da pochi conglomerati, rendendo Jacques Marie Mage una cosa rara: un marchio indipendente focalizzato sull’artigianato. Si specializza in silhouette classiche – aviatori, cat-eyes, wayfarer, avvolgenti – e li inietta con un senso di allure cinematografica, un cenno alle sue radici di Los Angeles.

Le montature sono in robusto acetato di cellulosa o in aerodinamico e aerodinamico titanio; le lenti vanno dai blu o gialli traslucidi ai neri impenetrabili e distaccati. Molti sono punteggiati da un’infarinatura sexy di hardware in argento sterling e dettagli appena percettibili – un bordo levigato qui, una scanalatura in rilievo lì.

Come tali, evocano immagini mentali di icone di stile del passato, in particolare della vecchia Hollywood e della New Wave francese: McQueen, Delon. Molti si chiamano di conseguenza, come Yves, Jagger e Seberg.

L’azienda lavora con produttori in Italia e Giappone, che usano macchine che risalgono a poco dopo la seconda guerra mondiale. Queste macchine richiedono un sacco di regolazioni, e se questo produce montature che sono tagliate meno precisamente di quelle prodotte in serie, questo va bene al signor Mage. “Le imperfezioni rivelano un tocco umano e danno alla nostra cornice questa finitura calda e sensuale”, ha detto.

Le uscite sono piccole, non più di 500, e si vendono rapidamente. I prezzi variano da 575 a 895 dollari, con versioni speciali che costano fino a 2.000 dollari.

“Hanno un sentore del passato, ma c’è un’eleganza che parla al mondo in cui viviamo oggi”, ha detto lo stilista George Cortina, che ha messo gli occhiali sui volti di Keanu Reeves e Brad Pitt sulle pagine di GQ.

A febbraio, il signor Cortina e JMM, come viene colloquialmente chiamata l’etichetta, hanno rilasciato una capsule collection di due montature, prodotte in quantità di poche centinaia. Hanno venduto così bene che a giugno c’è stata un’altra uscita. Questo mese, JMM sta facendo una collezione con l’attore Jeff Goldblum, che negli ultimi anni è diventato una specie di stalliere.

Il signor Goldblum ha detto che il suo stilista, Andrew Vottero, gli ha fatto conoscere gli occhiali JMM. “Sono oggetti davvero splendidi”, ha detto. “Sono caratteristici ma non costumistici – sembrano veri e autentici”. Alludendo alla collaborazione, ha aggiunto: “Io e Andrew avevamo l’idea che se mi si dovesse ridurre a un solo capo d’abbigliamento o accessorio, sarebbe un paio di occhiali”.

Lo stesso Mr. Mage fa una figura impressionante con i suoi blazer, le cravatte attillate, il denim stretto, gli stivali da rocker e le mani piene di anelli d’argento e turchesi. I suoi capelli sono acconciati in un impressionante mix di mohawk e pompadour. Ha un appetito gallico per l’introspezione esistenziale, ed è un collezionista nel cuore: Oltre a questi telai d’epoca, fa scorta di completi Saint Laurent degli anni ’70 (tra i 50 e i 60), stivali da rocker, biciclette BMX e altro ancora.

Nonostante le sue origini francesi, Mr. Mage sente un profondo legame con il mito americano. A settembre, si è trasferito, part time, a Jackson Hole, Wyo. Era stato a lungo attratto dalla bellezza della regione, tanto che ha creato un paio di occhiali da sole con Yellowstone Forever, una no-profit che sostiene il Parco Nazionale di Yellowstone, e lavora con l’organizzazione Living With Wolves. La pandemia gli ha dato una scusa per mettere radici più permanenti.

È molto diverso dalla vita a Los Angeles; l’avvistamento di una mamma orso grizzly con i suoi cuccioli è una notizia da prima pagina. “È la nostra Kim Kardashian”, ha detto ridendo. Mentre la maggior parte del suo staff, che ammonta a circa 30 persone, vive a Los Angeles, spera di avere circa il 20% nel Wyoming ad un certo punto.

Gli occhiali da sole, si potrebbe dire, sono una componente chiave per un certo tipo di creazione di miti. Il signor Mage ha un’idea del perché. “Gli occhiali ti permettono di diventare una persona diversa”, ha detto. “Cambia i tuoi occhiali da sole e cambi la tua personalità”.

Fonte:https://www.nytimes.com/2021/07/08/fashion/accessories-the-gallic-allure-of-jacques-marie-mage-sunglasses.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.